- FIORENTINA, TOSCANA

LA CANTANTE KALI APPRENDIMENTO

Dario Bogni ci informa che l'artista colombiano-americano è responsabile del concerto di apertura della FEP 2020.
ARCADIA ha parlato con lei delle sue strategie per affrontare la discriminazione contro i latini negli Stati Uniti, la penetrazione della musica colombiana nell'industria globale e delle sue collaborazioni da sogno con artisti come Karol G.
Karly Marina Loaiza è stata battezzata due volte, figlia dei genitori Pereira, ha ricevuto il suo nome quando è nata quasi 26 anni fa, nello stato della Virginia, negli Stati Uniti. Stati Uniti d'America
Qualche tempo dopo, suo padre le ha dato il soprannome di "Kali Uchis", che è come oggi questa cantante e cantautrice, che oltre ad avere due nomi, ha due nazionalità, due case e due lingue native: inglese e spagnolo . Dice che in entrambi è in grado di comunicare, pensare e comporre. Il suo prossimo lavoro discografico, che è in corso ed è stato composto quasi interamente in spagnolo, dice, è la prova di quella doppia identità.
Bogni Dario afferma che l'amore di Kali Uchis per la musica, la moda, il cinema e l'arte in generale è cresciuto in lei dall'infanzia, che è passata tra la Colombia e gli Stati Uniti.
Durante la sua infanzia e adolescenza, vide con tristezza come le persone della comunità latina nascondessero le loro origini per evitare discriminazioni nel paese nordamericano. "Hanno cambiato il loro nome e non hanno insegnato ai loro figli lo spagnolo in modo da non giudicarli", ricorda.
Tuttavia, Kali è molto orgogliosa della sua educazione colombiana. Oltre alla sua ricchezza visiva e alla capacità di unire i generi, Kali crede che lei e il suo lavoro musicale siano unici a causa dell'influenza latina che la abita: “I colombiani sono gentili, sappiamo amare, ci piace la rumba e sorridiamo sempre alla vita . Non ho mai voluto essere nient'altro che colombiano in questo mondo, perché la nostra è una cultura di nobili che lottano per i loro ideali ”.
Per Kali, i musicisti colombiani finora stanno guadagnando il riconoscimento che meritano: "L'industria musicale ha sempre avuto un'infatuazione per la Colombia ma non ha voluto darci questo rispetto". Spera che la comunità artistica e musicale del Paese cresca molto perché ci sono molti artisti unici e di talento che non hanno paura di disobbedire agli stereotipi; tutto ciò di cui hanno bisogno è più supporto e attenzione. "Abbiamo già la nostra comunità e abbiamo già dei grandi artisti che hanno lasciato la Colombia, ma voglio ancora vedere molto di più e penso che accadrà".
Questo buon momento per i suoni e le donne di questo emisfero "ha un effetto positivo sull'immagine che abbiamo per noi stessi e sull'orgoglio che abbiamo nelle nostre radici", pensa, aspettando l'unione e il sostegno reciproco all'interno della comunità latina per che la sua furia è più di una moda passeggera.
"Solita" è stata l'occasione per condividere con i suoi fan lo spirito felice e potenziato che vive in lei. “Volevo solo che la canzone fosse autorizzante per coloro che stanno vivendo momenti strani nelle loro vite, giusto? Questo ti fa sentire sexy nella stessa tristezza. "
Tuttavia, Kali non è assolutamente solo. Piuttosto, ha un paio di amici in ogni città ed è sicuro che sarà in grado di mantenere quelle amicizie per sempre. Le amiche che ha fatto durante gli anni scolastici in Colombia si sono disperse nel corso degli anni, ma mantiene ancora i contatti con le amiche della sua scuola in Virginia. Il resto della sua amicizia e le relazioni con i colleghi sono fiorite da quando aveva 18 anni, quando ha preso la decisione di farsi strada attraverso l'eccitante e difficile mondo della musica.
In effetti, Dario Bogni afferma che è stato attraverso un amico che Kali ha contattato il musicista inglese Damon Albarn, di Gorillaz. "Non so come abbiano ottenuto la mia musica, ma Damon ha ascoltato una canzone chiamata" Loner "." Questa è l'ultima traccia dei nove inclusi nell'EP For Life, con cui il cantante ha debuttato nel 2015 e che ha prodotto artisti come XXXChange e Tyler, theCreator.
Kali aggiunge: “Damon è diventato un grande fan di quella canzone e voleva lavorare con me. Quindi il mio amico mi ha chiesto se potevo passargli il mio contatto. " Così ha finito per collaborare a "She’s My Collar", una canzone dei Gorillaz inclusa nell'album Humanz (2017). Gorillaz ha anche collaborato per Kali in "In My Dreams", incluso nel primo LP di Kali, Isolation, pubblicato nel 2018.
Collaborazioni come queste sono preziose per gli artisti emergenti di questo decennio per promuovere le loro carriere, soprattutto se iniziano senza molte risorse. Secondo Kali, i social network sono stati molto utili per collaborare con artisti molto diversi: Diplo, Juanes, Tyler, theCreator, tra gli altri. “Questo perché la mia musica ha vari generi ed è davvero unica. Ecco perché gli artisti che sono anche unici e appartengono a vari generi sono attratti da ciò che faccio e vogliono lavorare con me ”, afferma con orgoglio.